Archivio articoli della categoria ‘Psicologia del profondo e Psicoterapia Psicoanalitica (MCS)’


di Maria Consiglia Santillo

universo e dna

“Conosci Te Stesso, e conoscerai l’Universo e gli Dei”
(Oracolo d’Apollo, inciso sul frontone del tempio di Delfi)

 

L’oracolo d’Apollo, inciso sul frontone del Tempio di Delfi, esprime il principio dell’ologramma: ogni aspetto della nostra vita è  espressione della stessa ed unica “realtà non separabile”.

Tale principio è espresso anche dal termine Svādhyāya, utilizzato da Patanjali nel Sistema Filosofico Yoga per designare lo ‘studio di sé’ che conduce alla ‘conoscenza del Sé’ da cui origina la presa di coscienza dello stato di ‘unione’ con l’Uno-Tutto. Ciò avviene attraverso un processo di costante  osservazione e studio della propria realtà interna che conduce alla ‘conoscenza delle varie dimensioni di sé’ la quale deve poi lasciare il posto ad un ‘altro piano di comprensione’  che consente l’accesso alla ‘conoscenza del Sé’ e dell’Uno-Tutto di cui il Sé è espressione.

Quali sono le dimensioni da esplorare attraverso il processo di conoscenza di sé? Per rispondere a questa domanda è necessario fare riferimento alla nostra storia evolutiva. Noi siamo innanzitutto una ‘forma di vita sul pianeta terra’: ciò determina la nostra dimensione biologica. Tale dimensione è, infatti, regolata dalle stesse leggi che regolano tutte le altre forme di vita e definisce il nostro ‘biotipo’. Tra tutte le forme di vita noi costituiamo gli ‘esseri umani’, esseri umani appartenenti ad una determinata ‘cultura’: questo aspetto determina la nostra dimensione antropologica e definisce il nostro ‘antropotipo’. Oltre ad appartenere ad una determinata cultura, in quanto esseri umani facciamo parte di una specifica famiglia: tale appartenenza determina la nostra dimensione genealogica definendo il nostro ‘genotipo’. All’interno della dimensione familiare esistiamo come singoli individui con la nostra storia personale che determina la nostra dimensione individuale definendo il nostro ‘fenotipo’.

Il nostro inconscio contiene, quindi, una dimensione ‘biologica’, una dimensione ‘antropologica’, una dimensione ‘genealogica’ e una dimensione ‘psicologica’.

  Leggi il resto dell’articolo…



pratyahara

di Maria Consiglia Santillo e Tiziana Masia

L’etimologia del termine pratyāhāra indica il “ritiro dai sensi”. Con ciò non si intende soltanto il ritiro della mente dai “sensi deputati alla percezione di oggetti esterni” (vista, udito, gusto, olfatto e tatto), che rappresenta una prima dimensione del pratyāhāra, la dimensione peculiare del pratyāhāra è costituita dal ritiro della mente dai “sensi deputati alla percezione di oggetti interni”, dimensione di gran lunga più complessa che implica un processo molto più articolato.

Negli Yoga Sūtra di Patañjali il pratyāhāra costituisce il quinto anga (livello) e segna il confine tra il bahir yoga (yoga esterno) e l’antar yoga (yoga interno): la definizione di una fase specifica che, attraverso una procedura molto dettagliata, prepara e introduce il processo di interiorizzazione è, infatti, una specificità del sistema filosofico yoga.

I motivi che ci hanno indotto ad approfondire lo studio di tale fase sono fondamentalmente tre.

Il primo è legato da un lato alla esperienza personale e, dall’altro, alla osservazione sistematica delle dinamiche psichiche evidenziatesi e dei risultati ottenuti con le persone durante il lavoro svolto, nel corso dei seminari, relativamente alla pratica di pratyāhāra e soprattutto di antar mouna. Il lavoro sui contenuti interiori, soprattutto quelli pre-consci/inconsci, e sui vissuti emotivi ad essi associati, determina, infatti, un salto qualitativo nella pratica meditativa, consentendo l’accesso ai livelli successivi con una mente “sgombra” da una serie di “elementi” che avrebbero assunto una valenza disturbante, interferendo in maniera negativa con quello stato di silenzio interiore che costituisce il presupposto essenziale per l’evoluzione agli anga superiori.

Leggi il resto dell’articolo…



Frida Kahlo, Henry Ford Hospital, 1932

Frida Kahlo, Henry Ford Hospital, 1932

di Maria Consiglia Santillo

La Nausea e il suo culmine rappresentato dal Vomito rappresentano, sul piano somatico, il desiderio di liberarsi da tutto ciò che non si vuole avere, integrare e far proprio. Costituiscono, quindi, l’espressione di un rifiuto e di una ripulsa: vomitare significa non accettare.
Il primo giudizio espresso dall’Io, in quello stadio del suo sviluppo definito da Freud “Io del piacere purificato”, riguarda la distinzione tra ciò che è “mangiabile” e ciò che non lo è.  In questo stadio ogni cosa “piacevole” è vissuta come “appartenente all’Io”, quindi “qualcosa da inghiottire” mentre, ogni cosa “spiacevole”, è attribuita al “non Io” e quindi “qualcosa da sputare”. La prima approvazione è rappresentata, quindi, dall’atto di ”inghiottire”, il primo rifiuto dallo “sputare”. In queste due tendenze possiamo riconoscere due meccanismi difensivi, di natura molto arcaica, caratteristici, anche se non esclusivi, della Fase Orale dello sviluppo psicosessuale: “Introiezione” e “Proiezione” il cui processo si esprime, come già sottolineato ed utilizzando le parole di Freud, “nel linguaggio dei più antichi moti pulsionali orali” attraverso l’opposizione “Ingerire”- “Rigettare” che corrisponde all’opposizione Soggetto (Io) – Oggetto (Mondo Estero) e all’opposizione Piacere – Dispiacere (Pulsioni e loro destini, 1915). Freud sottolinea come questa opposizione Introiezione-Proiezione, prima si realizzi nel modo orale (“questo lo voglio mangiare” e “questo lo voglio sputare”) e successivamente subirà un processo di generalizzazione (“questo voglio introdurlo in me” e “questo voglio escluderlo da me”).
Leggi il resto dell’articolo…



di Maria Consiglia Santillo
Il doloreL’espressione “Dolore Totale” riferita al paziente oncologico va letta in una duplice accezione: lo spazio psichico del paziente è “Totalmente” occupato da quella particolare esperienza psico-fisica connotata come “Dolore”; il “Dolore” si esprime nella “Totalità” delle sue forme: dal dolore “Fisico” (variabile per tipologia ed intensità), a quello “Psichico” (che può riguardare diverse aree d’investimento sia narcisistico che oggettuale) a quello “esistenziale” (relativo al senso e al tempo). Senza voler sottovalutare l’importanza della dimensione esistenziale del dolore, ma esclusivamente per un problema di competenze, si analizzeranno le dinamiche alla base delle dimensioni fisica e psichica del dolore. Ma cos’è esattamente questa realtà psico-fisica che definiamo “Dolore”?
Il modello freudiano relativo alla genesi del dolore (Progetto di una psicologia, 1895), la cui validità ed attualità è stata ampiamente confermata dalle neuro-scienze, integrato dagli altri contributi in ambito psicanalitico, possono darci una visione abbastanza articolata e chiara delle dinamiche psichiche che determinano l’esperienza “Dolore”.
Il dolore, in realtà, è un affetto oscuro, di difficile interpretazione ed analisi. Gli studi psicanalitici hanno messo in rilievo che, sebbene l’esperienza che definiamo “Dolore” (sia fisico che psichico) è vissuta come qualcosa d’immediato, la sua genesi è il risultato di un processo complesso e articolato in cui sono stati individuati essenzialmente tre tempi: ha inizio con una rottura la quale fa scattare il momento successivo, che è quello del trauma psichico, per trovare il suo culmine nella fase finale costituita da una reazione difensiva dell’Io al trauma.
A queste tre fasi si associano tre peculiari tipi di dolore: un dolore specifico della rottura, un dolore che riflette lo stato traumatico e un dolore innescato dalla difesa dell’Io come reazione al trauma.
Essi costituiscono tre differenti sfaccettature di quella esperienza unica e istantanea che definiamo “dolore”. Occorre fare una premessa per comprendere la genesi di questa esperienza. Leggi il resto dell’articolo…


io e noi

Maria Consiglia Santillo – Roberta Ulivari

“E’ la medesima vita a renderci vivi tutti poiché un’unica madre ci ha generato. Dove abbiamo imparato a dividerci così?”

Kabir

Individuazione dei processi che hanno prodotto la condizione di ‘Assenza di Riconoscimento dei Diritti Umani’

La comprensione del processo che ha prodotto la condizione di ‘assenza di riconoscimento dei Diritti Umani’ richiede una breve osservazione sulla storia dell’umanità a partire dalle Origini.

In principio era l’Uno….. “E Dio creò l’Uomo a sua Immagine e Somiglianza…..”: Dio e l’Uomo creato a sua immagine e somiglianza, rappresentano il Principio Unitario Originario che precede la vita così come noi la conosciamo, è il Nucleo di Energia Cosciente che, in seguito, ha dato origine all’esplosione chiamata Big Bang. Leggi il resto dell’articolo…



di Maria Consiglia Santillo

etica della politica

“la politica e il fato dell’umanità vengono forgiati da uomini privi di ideali e grandezza. Gli uomini che hanno dentro di sé la grandezza non entrano in politica”
(Albert Camus)

Lo scenario politico attuale, su un piano mondiale, ma soprattutto nel nostro Paese,  impone una profonda riflessione sulla assoluta necessità che la ‘politica’ in generale e la ‘politica economica’ in particolare tornino ad ispirarsi a Principi Etici ricollocando in una posizione centrale il ‘valore’ e la ‘dignità’ della ‘persona’.

Perché la ‘politica economica’ (e con questo termine intendo una economia strutturata nell’interesse della “Polis”) sembra allontanarsi sempre più dal suo obiettivo primario? Perché questa realtà appare chiara a tutti tranne che ai politici che si occupano di economia? E, soprattutto, perché ci si sta allontanando sempre più da quella ‘Perfezione’ che impregna tutto il resto dell’Universo?

Leggi il resto dell’articolo…


Tweets di @CSPsyche

Questo sito utilizza una serie di cookie tecnici e di terze parti. Continuando la navigazione, accetti l'uso dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi